Versione Italiana English version
Percorso di navigazione: Home » Dipartimento » Personale
immagine gruppo

Silvestri Andrea

foto della persona
» Ruolo: professore emerito
» Gruppi: Sistemi elettrici per l'energia,
» Laboratori:

Contatti

  • Indirizzo: Campus Bovisa - Via Lambruschini, 4 - 20156 - Milano
  • Telefono: +39-02-2399.3720
  • Fax: +39-02-2399.8566
  • Email: andrea.silvestri@polimi.it
Incarichi didattici:
» Insegnamenti, semestri, programma dettagliato e corsi di studi

Formazione:

Il prof. Andrea Silvestri è nato a Novi Ligure (AL) il 30 Ottobre 1942.
Nel 1966 si è laureato in Ingegneria Elettrotecnica presso il Politecnico di Milano con 100/100 e lode e con medaglia d'oro del Politecnico per il miglior laureato elettrotecnico.

Principali mansioni in ambito accademico ed esperienze lavorative:

Dopo una carriera tutta all’interno dell’Università di Pavia (dove è stato anche Direttore dell’Istituto di Elettrotecnica), dal 1986 è Professore Ordinario di Sistemi Elettrici per l'Energia al Politecnico di Milano. Qui ha anche tenuto il corso di Centrali Elettriche (ora: Impianti di Produzione dell'Energia Elettrica), è stato Vice Direttore nel Dipartimento di Elettrotecnica, e molto a lungo Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Ingegneria Elettrica.
Ora afferisce al Dipartimento di Energia, di cui è Vice Direttore Vicario.

E' stato responsabile a Pavia del Gruppo Impianti Elettrici del CNR, ed è responsabile a Milano dell’Unità di ricerca del Gruppo Universitario per i Sistemi Elettrici per l’Energia; è stato coordinatore locale (a Pavia e a Milano) e nazionale (a Milano) di ricerche di interesse nazionale ex MURST ora MIUR; fa da tempo parte dell’Albo degli esperti del MIUR per la valutazione dei programmi di ricerca di interesse nazionale.

Ha svolto attività di ricerca nell'ambito di contratti da lui coordinati con i Centri di Ricerca Elettrico e di Automatica dell'ENEL, con CESI, EDISON, SONDEL, con Enel Distribuzione, con l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, con la società incaricata dalle Ferrovie Nord (per la Regione Lombardia) di progettare il primo esempio italiano di "linea diretta", ecc.

Dal 2000 al Politecnico ha tenuto anche un corso di Storia della tecnica presso la Facoltà di Design, e ora, dal 2005, tiene i corsi di Storia del Politecnico e dell’industrializzazione (per la IV Facoltà di Ingegneria) e di Storia del Politecnico e dell’industrializzazione elettrica (per la III Facoltà d’Ingegneria).

Ha fondato e diretto il Centro per la Storia dell’Ateneo (CESA), e anche in quanto tale è curatore di volumi e di cataloghi di mostre, autore di saggi e prodotti multimediali sulla storia della cultura tecnico-scientifica e in particolare del Politecnico di Milano; nonché sulla formazione politecnica, sull’attività di ingegnere e di divulgatore scientifico di Carlo Emilio Gadda. Su questi temi e su altri è stato invitato a tenere conferenze – oltreché a Milano (Palazzo Reale, Museo nazionale della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci, Museo del Risorgimento, Centro Svizzero, Palazzo Dugnani, ecc.) – a Parigi all’Istituto Italiano di cultura, a Roma all’Accademia dei Lincei, a Napoli all’Istituto di Studi Filosofici, a Trento al Museo Caproni, ecc.

A Milano è stato consigliere d’amministrazione del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci; è stato socio fondatore e rappresentante del Politecnico nel Centro Interuniversitario per la diffusione della Cultura Scientifica e Tecnologica; è Vice Presidente dell’Associazione per la Storia della Scienza e della Tecnica in Italia nell’età dell’industrializzazione; è Vice Presidente del Centro per la cultura l’impresa. Ha fatto parte dello Steering Committee del Museo della tecnologia elettrica dell’Università di Pavia; fa parte del Consiglio scientifico della Fondazione MusIL (Museo dell’Industria e del Lavoro) di Brescia, del Comitato per la storia della Conferenza dei Presidi di Ingegneria (COPI), e del Consiglio scientifico dell’istituto per la Storia dell’Età Contemporanea di Sesto S. Giovanni.
Rappresenta il Politecnico nella Commissione Musei della CRUI, nel Centro Interuniversitario per la Storia delle Università Italiane, e nella convenzione con il Piccolo Teatro di Milano.

Competenze e campi di ricerca:

L'attività scientifica del prof. Silvestri si è svolta inizialmente nel campo della regolazione di frequenza, poi si è indirizzata allo studio dei sistemi elettrici anche di grandi dimensioni: calcoli di load-flow, di dispacciamento ottimo, di corto circuito, di stabilità, di dinamica; si è anche interessato di problemi delle reti di distribuzione, in particolare di qualità del servizio; recentemente si occupa soprattutto di diversi aspetti connessi con la liberalizzazione del mercato elettrico.
È autore di un centinaio di lavori a livello nazionale e internazionale, nelle aree sopra indicate.

Cariche ricoperte:

Il prof. Andrea Silvestri è direttore della rivista "AEIT" (la vecchia e gloriosa “L’Elettrotecnica”) dell'omonima Federazione Italiana di Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Informatica e Telecomunicazioni; è stato membro del Comitato di Redazione della rivista “International Journal of power & energy systems“, e Vice Direttore della rivista "Politecnico" del Politecnico di Milano.

Nel Comitato Elettrotecnico Italiano, è presidente dei Comitati Tecnici “Segni grafici e documentazione” ed “Esposizione umana ai campi elettromagnetici. Bassa frequenza”.

È delegato italiano al CIRED (Congrès International des Réseaux Electriques de Distribution).

Ha presieduto il Forum “Affidabilità della fornitura di energia elettrica in un sistema economico aperto alla competizione” della Fondazione Politecnico di Milano, ed è membro del Comitato scientifico della Fondazione EnergyLab.

Affiliazioni:

Il prof. Andrea Silvestri è membro della Federazione Italiana di Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Informatica e Telecomunicazioni (AEIT)

Premi e riconoscimenti:

Ha ottenuto per le sue ricerche due premi dell'Associazione Elettrotecnica ed Elettronica Italiana: il premio IEL, Nuove Industrie Elettriche di Legnano 1987, e il premio Maria Nosari Faletti nel 1995.